Il progetto Voice: Cooperation to combat cyberbullying and hate speech in (pre)primary school mira a far emergere e valorizzare il punto di vista dei bambini e delle bambine sulle problematiche del discorso d’odio e del cyberbullismo, cercando al contempo di creare uno spazio di ascolto e confronto con la comunità educante di riferimento, in particolar modo insegnanti e famiglie, così come pratiche e strumenti di prevenzione da usare sia in ambito scolastico che familiare.
È importante infatti lavorare fin dall’età prescolare sulle dinamiche relazionali e sociali che creano terreno fertile per l’insorgere dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, considerando anche l’età sempre più precoce in cui i bambini e le bambine fanno esperienza dei mezzi digitali.

A questo scopo, il progetto realizzerà un documentario per raccontare le idee e il punto di vista dei più piccoli e un cartone animato a partire dai disegni e dai racconti di bambini e bambine. Questi strumenti verranno utilizzati anche per costruire percorsi educativi e metodologie ludiche che potranno essere utilizzate sia nel contesto scolastico che familiare, in modo da promuovere pratiche di co-educazione coinvolgendo la scuola, le famiglie e l’intera comunità educante.
Il progetto gode del supporto dell’Unione Europea e si svolge in 5 paesi: Italia, Lithuania, Norvegia, Romania e Paesi Bassi.

Il sito interamente dedicato al progetto: erasmusvoice.eu

Parole per fare pace e per fare tempesta

I bambini e le bambine di Mantova hanno ragionato sulle loro relazioni di amicizia, sul fare pace,…

Il quaderno di Voice

Per i laboratori del progetto europeo Voice è stato prodotto un quaderno, poi distribuito i bambini e…