Media Education
 
Educare ai media e alla tecnologia è avvertita come una urgenza da educatori, docenti, genitori: bambini e adolescenti vivono in un mondo fatto di aspetti analogici e digitali, di relazioni in spazi reali e virtuali. Aspettative, sogni, narrazioni, comprensione del mondo e di se stessi passano sempre più da immaginari e da forme che hanno a che fare con gli strumenti che hanno in mano già da piccolissimi: tablet, tv, cellulari, computer… In questa sezione raccogliamo la documentazione dei progetti realizzati perché possano essere di ispirazione ad altri.
_______________________________________________________________
 
Media Education
 
We work with children and adolescents, with schools and in extra-school time. One of our projects, Extramedia (for 4-8 years old children), was awarded with the Evens Prize for Media Education 2013, praising:

“The winning project for its innovative media education activities for young children, with the active involvement of their parents and grandparents”

Andar per boschi

Con il gioco di italiantoy Carlo Elle i bambini, con colori a cera o pastelli, catturano le texture degli alberi e delle foglie con la tecnica del frottage.

Attraverso la nuova App gratuita Andar per boschi quegli alberi possono essere fotografati, circondati di animali e diventare parte di un vero e proprio bosco animato!
Le animazioni possono anche essere esportate in formato mp4.

Scaricala tramite

 

Silence Hate: Percorso di formazione per docenti di scuola primaria e secondaria

Obiettivo
Il corso di formazione mira a fornire ai/alle docenti strumenti di analisi e strumenti operativi per riconoscere, prevenire e combattere l’odio, online e offline.
L’incitamento all’odio in quanto tale non è un problema nuovo nel dibattito sui diritti umani, ma l’impatto della sua dimensione su Internet dà molti motivi di preoccupazione ed è attualmente al centro del dibattito pubblico. Il fenomeno dell’hate speech è complesso: i giovani rischiano di essere maggiormente esposti, sia per il massiccio uso dei social sia per la scarsità(o la mancanza) di situazioni in cui prendere consapevolezza del discorso d’odio.
La formazione vuole rispondere al bisogno degli/delle insegnanti di trovare delle idee per affrontare questo fenomeno con i propri studenti, attraverso l’educazione ai media, l’approccio interculturale e il coinvolgimento attivo dei ragazzi e delle ragazze.

 
PROGRAMMA SCHEMATICO
*per indicazioni precise sotto sono disponibili i programmi specifici per ogni tappa della formazione

GIORNO 1
– Benvenuto
– Che cos’è il discorso d’odio? Analisi del fenomeno fra online e offline
– L’approccio interculturale come strumento di contrasto al discorso d’odio

GIORNO 2
– Costruzione partecipata di percorsi educativi per il contrasto al discorso d’odio online
– SilenceHate: i discorsi d’odio, i giovani e una proposta di approccio pedagogico

GIORNO 3
– Come lavorare in classe contro i discorsi d’odio, presentazione e laboratorio
– Scambio di buone pratiche
– Valutazione partecipativa
– Conclusione

 
DOVE E QUANDO

PADOVA
(Sala Africa presso Missionari Comboniani, Via S. Giovanni di Verdara 139)
16-17-18 ottobre 2018
Consulta il programma dettagliato
> iscriviti

BOLOGNA
14-15-16 novembre 2018
Consulta il programma dettagliato
Le iscrizioni per la formazione di Bologna sono chiuse per raggiungimento limite posti.

FIRENZE
4-5-6 dicembre 2018
Consulta il programma dettagliato
> iscriviti

Laboratori sui cartoni animati a Sant’Agata Feltria e a Pennabilli

Nel mese di maggio abbiamo svolto un breve ciclo di laboratori nell’ambito del progetto Extramedia e del progetto europeo Tandem nelle scuole primarie di Sant’Agata Feltria e Pennabilli. I bambini hanno imparato come vengono creati i cartoni animati e si sono poi cimentati nell’invenzione di storie che hanno animato tramite la tecnica dello stop-motion.

Guarda due dei loro capolavori, Chicco e il cinema e Il fagiano finito nello spazio e l’arrivo della tecnologia sulla terra:

Puoi anche guardare la documentazione video dei laboratori, qui quelli di Sant’Agata Feltria.

Qui la documentazione video dei laboratori a Pennabilli.