E se diventi farfalla
 
È un progetto culturale ed educativo contro il disagio e le povertà educative per 140.000 bambini e bambine in Italia, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che sperimenta in 9 regioni italiane (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Veneto, Basilicata, Toscana) la creatività come risorsa per combattere la povertà. Il progetto prevede di rendere le scuole al territorio punto di riferimento per le famiglie anche in orario extrascolastico: con orari di apertura stabili, servizi nei mesi invernali o estivi a seconda delle esigenze territoriali, le ludoteche, i centri per l’infanzia, le biblioteche, le Pinacoteche e i musei del luogo, potenziano la loro programmazione rivolta sia ai bambini sia alle famiglie per ovviare a diverse problematiche: la mancanza dei genitori a casa, il bisogno di socializzare e fare amicizie tanto dei bambini quanto degli adulti.
I genitori accedono in modo gratuito a opportunità culturali ed educative mirate, sperimentano modalità di relazione educativa fondata su metodi pedagogicamente rilevanti, partecipano a iniziative pubbliche con risultati manifesti (un’installazione, materiali gioco, mostre gioco…).
Segui la pagina facebook dedicata al progetto.
_______________________________________________________________
 
E se diventi farfalla
 
“But if you become a butterfly” is the literal translation of this project’s title; it is a project selected by the social enterprise “Con i Bambini” as part of a fund to fight against child educational poverty, which experiments in 9 Italian regions (Emilia -Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardy, Piedmont, Puglia, Sicily, Veneto, Basilicata, Tuscany) creativity as a resource to fight poverty.

The project aims to turn schools into landmarks for families also during extra-curricular hours: with stable opening hours, services, play areas, childcare centers, libraries, they can help to overcome various problems: the lack of parents at home, the need to socialize and make friends for both children and adults.
Parents have access to targeted cultural and educational opportunities free of charge, they can get to know pedagogically relevant educational methods and they will participate in public initiatives (such as art installation, game exhibitions, etc.).
Follow the facebook page dedicated to the project.

Mille e una storia. Mille e un’immagine.

Zaffiria è lieta di annunciare Mille e una storia. Mille e un’immagine -Tre giorni di festa nel quartiereBorgo Marina a Rimini.

Un convegno, tanti laboratori, una caccia al tesoro interattiva e una meravigliosa installazione che 500 bambini e bambine hanno preparato per la città!


Venerdì 17 maggio

Ore 9
Omaggio a Fellini

Ore 9.30
L’universo dei racconti de Le Mille e una notte

Ore 10.45
Kalila e Dimna, i successi di uno specchio di principi

Ore 11.45
Da destra a sinistra: sfogliare, scoprire, leggere in lingua araba

Ore 12.30
Nuove narrazioni per nuove politiche di coesione sociale

Ore 14.45
Atelier d’artista: le illustrazioni di Walid Taher
Presso Corso Giovanni XXIII

Gli incontri del 17 maggio saranno ospitati dal Cinema Fulgor di Rimini. A causa del numero limitato dei posti in sala è necessaria l’iscrizione. Iscriviti inserendo i tuoi dati in questo modulo.


Sabato 18 maggio

Dalle 10.30 alle 12
In un labirinto, senza perdersi
Open day del progetto #nodrugstobecool, sostenuto dal Dipartimento Antidroga.

Dalle 15 alle 17
Vieni a proseguire la linea?

Dalle 17 alle 18
Cacci@ al tesoro aumentata


Domenica 19 maggio

Dalle 10 alle 12.30
Giardini sul cemento

Dalle 15 alle 17
Hai un gatto in testa?

Alle 17
Re-immaginare un quartiere e una città, partendo dai bambini e dalle bambine (Saluto del Sindaco del Comune di Rimini)
Trunkerumpampumpera

Dalle 19
Cena in strada alla ligaza

SCARICA IL PROGRAMMA DETTAGLIATO IN PDF

E se diventi farfalla: cosa stiamo facendo con le nostre migliori energie e i tanti limiti

A gennaio 2019 abbiamo redatto la prima relazione sul progetto E se diventi farfalla, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, di ci siamo ente capofila.

Il progetto è stato avviato in tutti i territori coinvolti, dal Friuli alla Basilicata, dalla Puglia a Torino. Si è lavorato insieme alla costruzione di una cornice comune che permettesse di allinearsi e sintonizzarsi rispetto al senso profondo del progetto, alla sfida sottesa, alla rilettura, riappropriazione e sviluppo delle azioni.

Tre sono stati i momenti collegiali di lavoro: due riunioni di coordinamento e monitoraggio e una formazione residenziale di formazione operatori e condivisione delle progettualità (a Bari, 24-27 giugno).

Leggi la relazione completa.

Floris, un’app di comunità. La creatività digitale per contrastare le povertà educative

Parlare di app rimanda spesso a storie di successo: grandi imprese, geni dell’informatica, milioni di dollari. Alle volte si può parlare di app anche più in piccolo: un centro di educazione ai media, alcuni studenti e molto entusiasmo.

Questa breve storia nasce all’Istituto Comprensivo J. Linussio di Paularo. Qui tra le Alpi Carniche, un gruppo misto di atelieristi e informatici del Centro Zaffiria, capofila del progetto nazionale E se diventi farfalla, ha organizzato una settimana di laboratori tra arte e tecnologia a tema fiori e insetti. Supportati da Louis Rigaud (noto designer francese autore di Oh! Mon Chapeau, app vincitrice del Bologna Ragazzi Digital Award 2017), le varie attività hanno avuto come scopo la realizzazione di un’app progettata e costruita assieme alla comunità locale, attivando bambini e bambine, adolescenti, insegnanti e famiglie.

Dalle scuole dell’infanzia, alla scuola primaria e secondaria di primo grado, piccoli e grandi hanno messo mano a colori, carta e forbici e le loro creazioni sono diventate gli elementi grafici alla base dello sviluppo del progetto. A conclusione della settimana il loro lavoro è risultato nell’app Floris.

In Floris il giocatore esplora un giardino virtuale alla ricerca dei vari insetti che lo abitano; ogni insetto scoperto porta alla nascita di nuovi fiori, che vanno a popolare un habitat sempre in crescita. Ma ciò che rende unica Floris è la possibilità per i giocatori di diventare essi stessi creatori: disegnando un insetto su carta, lo si può digitalizzare con la fotocamera del cellulare e aggiungere al mondo di gioco. Il giardino creato dai bambini e ragazzi di Paularo è diventato così il giardino di tutti, esplorabile da giocatori di tutto il mondo.

Floris sarà disponibile su App Store e Play Store dal mese di giugno 2019.


E se diventi farfalla: l’esperienza di Parasite 2.0 a Mantova

Un progetto realizzato dal Comune di Mantova nell’ambito del nostro progetto nazionale E se diventi farfalla si è trasformato in una occasione per sperimentare sul territorio nuove modalità di fare didattica, dove l’arte incontra, non solo quei bambini che solitamente non accedono a questa tipologia di offerta, ma le loro stesse famiglie, coinvolgendo papà e mamme in questa avventura.

I Parasite 2.0 ‒ collettivo fondato nel 2010 da Stefano Colombo, Eugenio Cosentino e Luca Marullo ‒ hanno creato per l’occasione un gioco che riflette sul tema della collettività. Ne ha parlato anche Artribune!