Mostre e installazioni
Maestro raccontami il mondo presso il Mambo, museo d’arte contemporanea di Bologna, oppure Fare un gioco non è un gioco presso il Castello dei ragazzi di Carpi in occasione del Festival della Filosofia sulle arti, sono alcuni degli esempi dei progetti realizzati da Zaffiria per creare un’interazione tra alcune forme di sapere e l’esperienza concreta dei bambini e delle bambine. Realizziamo anche installazioni in chiusura di progetti: un esempio, Fiori di mare, giardino realizzato con i bambini e le bambine di 5 anni di Bellaria Igea Marina sulla battigia.

APP YOU – Tra paesaggi sonori e aumentati

La creatività degli adolescenti di Monteveglio incontra la tecnologia e origina una mostra interattiva.

Sabato 10 febbraio, alle 15, vieni a costruire le tue architetture sul paesaggio e ascoltale scopri i suoni nascosti e gioca con la realtà aumentata.
4 postazioni interattive per far emergere la creatività degli studenti a favore della propria comunità locale.

Progetto realizzato in collaborazione tra IC Bazzano Monteveglio, Centro Zaffiria e Fondazione Rocca dei Bentivoglio grazie al progetto europeo Appyourschool.

INFO:
dove: Aula Musica della Scuola secondaria di primo grado, Piazza Libertà, Loc. Monteveglio, Valsamoggia (BO)
quando: sabato 10 febbraio 2018, ore 15:00 – ingresso gratuito
contatti: tel. 051 836442 – email: didattica@roccadeibantivoglio.it

IL RACCONTO DELLA MOSTRA

Come la vedo

Gli adolescenti delle scuole secondarie di primo grado, a Bellaria Igea Marina, si sono fermati a riflettere sul tema delle differenze di genere.
Hanno quindi prodotto una mostra fotografica per immagini e parole.
La documentazione del progetto in questo pdf.

Pescatori di sogni

“La fantasia è un posto dove ci piove dentro” – disse Calvino – ma a Carpi ci si nuota anche.

Un banco di 100 tra pesci, cavallucci marini, polipi giganti si prepara ad attraversare via Guaitoli per una migrazione eccezionale. Con i colori pieni dell’estate, con forme anche buffe, questo insolito banco sembra abbia deviato verso Carpi per incontrare i pescatori di sogni: bambini e bambine con le bocche aperte per lo stupore, capaci di camminare sui fondali lastricati come una strada, pronti a tenere lo sguardo al cielo per vederli passare, uno ad uno. Continua a leggere