Pescatori di sogni

“La fantasia è un posto dove ci piove dentro” – disse Calvino – ma a Carpi ci si nuota anche.

Un banco di 100 tra pesci, cavallucci marini, polipi giganti si prepara ad attraversare via Guaitoli per una migrazione eccezionale. Con i colori pieni dell’estate, con forme anche buffe, questo insolito banco sembra abbia deviato verso Carpi per incontrare i pescatori di sogni: bambini e bambine con le bocche aperte per lo stupore, capaci di camminare sui fondali lastricati come una strada, pronti a tenere lo sguardo al cielo per vederli passare, uno ad uno. Continua a leggere